Logo dell'associazione Salta direttamente ai contenuti
Le abitazioni

Abitazione tradizionaleGli edifici giapponesi sono basati su un'armonia di rettangoli: i tralicci in legno scoperti, i pannelli divisori, le stuoie sul pavimento, ogni cosa è intimamente connessa con le altre. I giapponesi non hanno nulla in contrario a che pilastri e travi restino esposti, anzi li considerano un elemento decorativo tanto dell'interno quanto dell'esterno.

Abitazione modernaIn Giappone, il paesaggio architettonico permette di apprezzare tradizionali case coloniche in legno e argilla con tetti di tegole, nelle aree più rurali e appartamenti o abitazioni moderne costruite in alluminio, cemento e legno, nelle grandi città. A causa dello spazio ridotto, specie nelle grandi metropoli, le abitazioni sono piuttosto piccole, sono molti coloro i quali vivono in enormi caseggiati (danchi).

Il clima estivo è caldo-umido, quindi le abitazioni sono costruite in modo da essere ben ventilate. Le stanze hanno porte e finestre scorrevoli costruite in carta e legno che possono essere rimosse qualora si vogliano trasformare due piccole camere in una più grande.

Interno di una stanza con tatamiL'ingresso (genkan), i corridoi e la cucina hanno pavimenti in legno. Nelle altre stanze questi sono rivestiti con una stuoia di giunco (tatami). Le stuoie tatami sono in paglia ricoperta di tessuto di giunco. Quando si entra in una casa giapponese generalmente bisogna togliersi le scarpe e calzare pantofole. Per entrare in una stanza con tatami, si tolgono anche le pantofole e si lasciano in corridoio. Per dormire vengono stesi morbidi materassi imbottiti e soffici trapunte (futon) che al mattino vengono ripiegati e conservati in appositi armadi a muro. Quindi la stessa stanza può essere essere usata come camera da letto, soggiorno e sala da pranzo.

KotatsuIn Giappone non è molto comune il riscaldamento centralizzato, salvo che nell'Okkaido, dove gli inverni sono molto rigidi. Nel resto del paese, in genere le stanze vengono riscaldate solo quando utilizzate. Un modo tradizionale e pratico per riscaldarsi è quello di usare un tavolo che ha una specie di stufa elettrica nella parte inferiore (kotatsu). L'intero tavolo è coperto da una trapunta su cui poggia un piano. Per stare caldi bisogna tenere le gambe sotto la trapunta. Nelle stagioni fredde il kotatsu è il centro della vita familiare. Per sedersi viene usato un cuscino piatto quadrato (zabuton). L'arredamento di gran parte delle abitazioni è sia in stile tradizionale che occidentale.

 

Notizia letta: 2309 volte
inserita il: 03/11/2006