Logo dell'associazione Salta direttamente ai contenuti
Sei in: Shotokenshukai » Cultura » Te
"Anticipare bene e stare sempre pronti"

Rikyu insegnava che la mente deve venire per prima in ogni cosa, e ciò si può esprimere in molti modi. Diceva che si dovrebbe arrivare sempre in anticipo e tenersi pronti: una persona preparata è in grado di di occuparsi degli ospiti ed essere cortese. Si racconta la storia di un commesso di un negozio di cornici, che veniva continuamente rimproverato per le sue dimenticanze. Non rimetteva mai gli arnesi al loro posto; le cose che gli occorrevano non erano mai a portata di mano. Come risultato, il negozio era in uno stato disastroso, ed egli perdeva molto tempo ed energia nell'alzarsi e risedersi ogni volta che prendeva gli arnesi. Gradualmente però, in un periodo di due o tre anni, cominciò a correggere la sua trascuratezza, sistemando con ordine le cose sugli scaffali preparando gli arnesi prima di iniziare la giornata di lavoro. Il proprietario del negozio era contento, ma si lambiccava il cervello su cosa potesse aver determinata un simile cambiamento; quando chiese spiegazioni al commesso, questi gli disse che aveva studiato la cerimonia del tè, imparando da essa a condurre le sue occupazioni quotidiane. Gli utensili necessari, non solo vengono preparati prima della cerimonia, ma sono sempre a portata di mano. Non c'è niente che ingombri, non c'è bisogno di alzarsi o di allungarsi per prendere quello che serve. Occorre molta pratica per stabilire quale sia la distanza giusta ed in quale sequenza avvenga il movimento più aggraziato e privo di sforzo. Anche nella stanza di preparazione, lontano dagli occhi degli ospiti, si tiene ogni cosa ordinatamente al suo posto; ma tenere semplicemente le cose in ordine non conta molto senza uno stato di corrispondente prontezza mentale; un' attenzione sufficientemente flessibile per poter reagire a possibili imprevisti. I giapponesi non portano calzature in casa; esse vengono ordinatamente disposte nella zona di attesa vicino alla porta di ingresso, rivolte verso l'esterno in modo da essere facilmente infilate quando si va via. Persone trascurate, tendono a buttare alla rinfusa le loro calzature lasciando la zona d'attesa in gran disordine. Poichè i piedi sono come le fondamenta del corpo, bisogna fare attenzione a come si lasciano le scarpe, per non dare una cattiva impressione sul carattere di chi le indossa.

 

Notizia letta: 1416 volte
inserita il: 16/01/2007